Palazzo Chigi in Ariccia Comune di Ariccia
Ricerca Opere e Libri x Italiano    o English
 
27 Settembre 2006
Al via la mostra "La 'Schola' del Caravaggio. Dipinti dalla Collezione Koelliker"
(click the photo to enlarge)
Click the photo to enlarge
Gherardo delle Notti,
Maddalena con due angeli
(Morte della Maddalena)

olio su tela, cm. 145x118,5
Milano, Collezione Koelliker

Click the photo to enlarge
Matthias Stomer,
Flagellazione
olio su tela, cm. 201x271
Milano, Collezione Koelliker
La mostra "La 'Schola' del Caravaggio. Dipinti dalla Collezione Koelliker" ospitata dal 13 ottobre 2006 all'11 febbraio 2007 nella seicentesca cornice di Palazzo Chigi ad Ariccia, a più di un anno di distanza dal successo della mostra "Mola e il suo tempo", vuole proporre una vasta panoramica sulla pittura caravaggesca romana attraverso oltre novanta dipinti provenienti dalla più grande collezione privata d'arte antica in Italia e da una delle più importanti collezioni private al mondo di arte italiana, quella del mecenate milanese Luigi Koelliker.
 
La Mostra, che nasce sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è a cura di Gianni Papi, autorevole studioso di pittura caravaggesca.
Alcuni capolavori e molte opere in gran parte inedite aiutano ad inquadrare esaurientemente un periodo felice della storia dell'arte; tra gli artisti presenti, Orazio e Artemisia Gentileschi, Josè de Ribera detto lo Spagnoletto, Carlo Saraceni, Giovanni Baglione, Borgianni, Nicolas Règnier, Spadarino, Tanzio da Varallo, Lionello Spada, Gerrit van Hontorst, Claude Vignon, Mathias Stomer, Mattia Preti, Francesco Ragusa, Angelo Caroselli, Simon Vouet, Dirck van Baburen, Bartolomeo Manfredi, Orazio Riminaldi.
Così afferma Gianni Papi: "Mai credo nella storia dell'arte, in nessun altro momento come in questo, il talento e gli esiti di tanti talenti, tutti insieme ad operare nel perimetro di poche strade, nei medesimi quartieri, in pochi anni, si diffusero così capillarmente e coinvolsero così tante persone, così tanti artisti; talmente alto è il livello medio della produzione, che non trova paragoni, a mio avviso, in nessun altro periodo storico".
Studiosi e vasto pubblico potranno dunque ammirare straordinari dipinti e conoscere tante opere nuove riuscendo ad avere una idea complessiva di uno dei momenti più affascinanti della storia dell'arte italiana.